Giornata mondiale della psoriasi

psoriasi

Sono due milioni e mezzo gli italiana malati di psoriasi, una malattia della pelle non contagiosa che però è spesso motivo di vergogna per i malati.

La patologia si manifesta inizialmente con delle chiazze rossastre che si ricoprono di “squame” ed escrescenze biancastre. La malattia presenta fasi alterne: si passa dalla frase cronica a quella di recidiva e viceversa, le psoriasi sono numerose e diverse tra loro.

Da poco è stato scoperto il gene responsabile della psoriasi, si trova nel braccio corto del gene 6 e in quello lungo dei cromosomi 1 e 17, la predisposizione genetica non è sufficiente per scatenare l’eruzione sono necessari, bensì, dei fattori esterni, tra le cause scatenanti si annoverano: fenomeno di Koebner, stress, farmaci,fumo, eccessivo consumo di alcol, disfunzioni e/o squilibri ormonali e metabolici.

Attualmente non esiste alcuna cura che garantisca la guarigione definitiva, esistono numerose terapie che tentano di arginare il problema per diverse vie: esistono trattamenti topici effettuati sulle zone direttamente interessate dalla psoriasi, trattamenti biologici che cercano di innescare un processo rigenerativo della pelle, trattamenti sistemici utilizzati nei casi più gravi che danno luogo ad una serie di effetti collaterali gravi, trattamenti naturali effettuati con acque termali o con le acque del Mar Morto, questa terapia tenta di sfruttare le proprietà benefiche degli elementi naturale presenti nell’acqua, in ultimo il trattamento fisioterapico a base di radiazioni.

La ricerca va avanti, ma le persone comuni hanno una conoscenza piuttosto limitata della patologia, ci sono molte cose da sapere, per questa ragione il 24 e il 25 Ottobre è stata istituita in tutto il mondo la “Giornata Mondiale della Psoriasi”, l’ADIPSO, l’Associazione per la Difesa degli Psoriaci, ha accolto l’iniziativa e sarà responsabile dell’organizzazione nelle piazze italiane, dove medici e persone competenti forniranno materiale informativo e risponderanno alle domande di chiunque voglia partecipare all’iniziativa.

Articoli correlati

Rispondi